Ragioneria

RAGIONERIA

 

La nuova “Ragioneria” mira a formare una persona capace di inserirsi in contesti aziendali diversi, tutti caratterizzati dalla presenza di fenomeni complessi, da una sempre più diffusa automazione, da frequenti mutamenti tecnologici, organizzativi e legislativi.
Oltre alla indispensabile formazione culturale di base si acquisisce una professionalità amministrativa che conosce le nuove strutture aziendali e i processi di funzionamento delle attuali realtà produttive.

La nuova impostazione entrata in vigore dal 1996/97 e nota come progetto IGEA mira a superare il vecchio corso di Ragioneria ormai reso inadeguato dal tempo trascorso e dall\’evoluzione dei settori economici e amministrativi.
La nuova “Ragioneria” (progetto IGEA) mira quindi a formare una persona capace di inserirsi in contesti aziendali diversi, tutti caratterizzati dalla presenza di fenomeni complessi, da una sempre più diffusa automazione, da frequenti mutamenti tecnologici e organizzativi.
Lo scopo dell\’insegnamento è quello di fornire oltre alla indispensabile formazione culturale di base, una professionalità amministrativa che conosca le nuove strutture aziendali e i processi di funzionamento delle nuove realtà produttive.

LE COMPETENZE
Il ragioniere esperto in problemi di economia aziendale, oltre a una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico espressive e logico interpretative, deve possedere conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale
sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile. In particolare egli deve essere in grado di analizzare i rapporti tra l\’azienda e l\’ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici.

Pertanto egli deve saper:
– utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali;
– leggere, redigere ed interpretare ogni significativo documento aziendale;
– elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali;
– cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali.

 

Materie

 

I ANNO
Lingua e lettere italiane- Storia ed Educazione Civica – Prima lingua straniera – Seconda lingua straniera – Matematica – Scienze della materia – Scienze della Natura – Diritto ed Economia – Economia aziendale – Trattamento testi – Ed. fisica

II ANNO
Lingua e lettere italiane- Storia ed Educazione Civica – Prima lingua straniera – Seconda lingua straniera – Matematica – Scienze della materia – Scienze della Natura – Diritto ed Economia – Economia aziendale – Trattamento testi – Ed. fisica

III ANNO
Lingua e lettere italiane- Storia ed Educazione Civica – Prima lingua straniera – Seconda lingua straniera – Geografia Economica – Matematica – Economia aziendale – Diritto – Economia Politica – Ed. fisica

IV ANNO
Lingua e lettere italiane- Storia ed Educazione Civica – Prima lingua straniera – Seconda lingua straniera – Geografia Economica – Matematica – Economia aziendale – Diritto – Economia Politica – Ed. fisica

V ANNO
Lingua e lettere italiane- Storia ed Educazione Civica – Prima lingua straniera – Seconda lingua straniera – Geografia Economica – Matematica – Economia aziendale – Diritto – Scienza delle Finanze – Ed. fisica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *